Monte Everest

 

Informazioni generali del Monte Everest

Nome cinese: 珠穆朗玛峰, pronuncia cinese: Zhūmùlǎngmǎ Fēng

Biglietto ingresso: 180 CNY 

Orari: in tutta la giornata

Posizione: al confine tra la Contea di Tingri in Tibet e il Nepal

Altitudine: 8.848 metri

Catena montuosa: Himalaya.

Trasporto

Si consiglia ai visitatori di noleggiare un’auto locale per visitare tutta la zona panoramica.

Tempo consigliato per visita: 2-5 giorni

 

Tassa d’ingresso per l’area Riserva Naturale del Monte Everest

Palazzo Potala
Prezzo
Aprile - ottobre 180 RMB (22,50 euro)
Novembre - marzo 90 RMB (11,20 euro)

 

Introduzione del Monte Everest

Il Monte Everest (in cinese: Zhumulangma 珠穆朗玛 o più semplicemente Zhufeng 珠峰; in tibetano: Chomolungma, cioè “Dea Madre della neve”) è la montagna più alta della terra sul livello del mare, situata nel sottogruppo Himalayano del Mahalangur Himalaya. Il confine Cina-Nepal passa attraverso la sua sommità. Il monte Everest è la vetta dominante dell’Himalaya, al nord della contea di Tingri in Tibet e al sud del Nepal. L’area presenta 4 cime sopra gli 8.000 metri e 38 cime sopra i 7.000 metri, da cui il titolo laudativo di “Terzo Polo della Terra”.
 

Chiamato anche Monte Qomolangma, l’Everest è la cima più alta del mondo. Il suo significato tibetano di “Madre dell’Universo” e di “Terza Dea” aggiunge al soggetto un colore più misterioso e un potere magico. Di conseguenza, ha incuriosito tutti i tipi di persone da quando è stato scoperto per la prima volta. I pellegrini percorrono lunghe distanze per presentare un culto devoto, gli appassionati di arrampicata corrono grandi rischi per sfidare la sua alta quota e i comuni visitatori anelano anche a uno sguardo di riverenza verso questa sacra vetta.


Monte Everest Ricoperta di neve
Monte Everest Ricoperta di neve

Come punto supremo del mondo, il monte Everest è anche benedetto da molte meraviglie naturali. La parte superiore della montagna è coperta di neve tutto l’anno. Quando il sole splende sulla montagna, la cima è proprio come una piramide bianca miracolosamente trasformata dalla Dea, che ci porta a immaginare ulteriormente la sua parvenza. Il più delle volte, le fitte nuvole e le nebbie che si muovono liberamente, come se una bandiera sull’albero maestro oscillasse, avvolgeranno la vetta. Questo particolare fenomeno è noto come “Nuvole a bandiera”. Un’ulteriore meraviglia che si genera qui sono i ghiacciai luminosi, dove i ghiacci prendono varie forme come ponti, pagode e altro. Vi si possono trovare anche chilometri di fisionomie di rocce efflorescenti, come stalagmiti, stele, spade di pietra e pagode di pietra. I pionieri dell’arrampicata chiamano questo splendore di altitudine così elevata “il più grande parco d’alta montagna”.
 

L’area del Monte Everest è stata costruita come una delle riserve naturali nazionali, dove vivono migliaia di specie di piante, centinaia di varietà di animali selvatici e dense foreste vergini. Molte di queste sono preziose e rare, come le once di animali protetti di prima classe e i preziosi sandali di legno, ecc.
 

Ai piedi della montagna più alta del mondo si trova il tempio più alto del mondo, il Monastero di Rongbuk. Ad un’altitudine di circa 5.000 m. e a 25 km di distanza, c’è anche il punto migliore per apprezzare il paesaggio del Monte Everest. Il ghiacciaio di Rongbuk, che circonda questa zona, è anche il più grande tra tutti i ghiacciai qui presenti.


La montagna più alta del mondo Monte Everest
La montagna più alta del mondo

L’attuale altitudine ufficiale di 8.848 m, riconosciuta da Cina e Nepal, ed è stata stabilita da un’indagine indiana del 1955 e successivamente confermata da un’indagine cinese del 1975. Nel 1865, l’Everest ricevette il suo nome ufficiale inglese dalla Royal Geographical Society, come raccomandato da Andrew Waugh, il geometra generale britannico dell’India, che scelse il nome del suo predecessore, Sir George Everest.
 

Il Monte Everest attira ogni anno molti turisti e scalatori, alcuni dei quali sono alpinisti di grande esperienza. Ci sono due vie di arrampicata principali, una che si avvicina alla cima sud-est in Nepal (conosciuta come “via standard”) e l’altra da nord in Tibet. Pur non ponendo sostanziali sfide tecniche di arrampicata sulla via standard, l’Everest presenta pericoli come il “mal d’altitudine”, le condizioni meteorologiche e il vento, oltre a rischi significativi dovuti alle valanghe e alla cascata di ghiaccio del Khumbu.

 

Storia del Monte Everest

I primi sforzi registrati per raggiungere la cima dell’Everest sono stati fatti dagli alpinisti britannici. Poiché all’epoca il Nepal non permetteva agli stranieri di entrare nel paese, gli inglesi fecero diversi tentativi sulla via della cresta nord dal lato tibetano. Dopo che la prima spedizione di ricognizione degli inglesi nel 1921 raggiunse i 7.000 m sul Colle Nord, la spedizione del 1922 spinse la via della cresta nord fino a 8.320 m, segnando la prima volta che un essere umano aveva scalato oltre gli 8.000 m. Sette portatori rimasero uccisi in una valanga durante la discesa dal Colle Nord.


I turisti scalano il Monte Everest
I turisti scalano il Monte Everest

La spedizione del 1924 portò ad uno dei più grandi misteri dell’Everest fino ad oggi: George Mallory e Andrew Irvine fecero un ultimo tentativo di scalata l’8 giugno, ma non tornarono mai più, scatenando il dibattito se fossero stati o meno i primi a raggiungere la cima. Quel giorno erano stati avvistati in cima alla montagna, ma scomparvero tra le nuvole, per non essere più visti, fino al ritrovamento del corpo di Mallory nel 1999 a 8.155 m sulla parete nord.
 

Tenzing Norgay e Edmund Hillary compirono la prima salita ufficiale dell’Everest nel 1953, utilizzando la via della cresta sud-est. L’anno precedente Norgay aveva raggiunto gli 8.595 metri come membro della spedizione svizzera del 1952. La squadra di alpinisti cinesi Wang Fuzhou, Gonpo e Qu Yinhua realizzò la prima salita della vetta dalla cresta nord il 25 maggio 1960.

 

Monte Everest e la religione

La parte meridionale del Monte Everest è considerata una delle numerose “valli nascoste” di rifugio designate da Padmasambhava, un santo buddista del IX secolo “nato dal loto”.
 

Vicino alla base del versante nord dell’Everest si trova il monastero di Rongbuk, che è stato chiamato la “soglia sacra del Monte Everest, con le vedute più emozionanti del mondo”. Per gli sherpa che vivono sulle pendici dell’Everest nella regione del Khumbu in Nepal, il monastero di Rongbuk è un importante luogo di pellegrinaggio, a cui si accede in pochi giorni di viaggio attraverso l’Himalaya attraverso Nangpa La.


Monte Everest di lhasa
Monte Everest di lhasa

Miyolangsangma, una dea buddista tibetana “Dea del dono inesauribile”, si crede che abbia vissuto sulla cima dell’Everest. Secondo i monaci buddisti dello sherpa, il monte Everest è il palazzo e il parco giochi di Miyolangsangma, e tutti gli scalatori sono ospiti solo parzialmente benvenuti, essendo arrivati senza invito.
 

Gli sherpa credono anche che il Monte Everest e i suoi fianchi siano benedetti dall’energia spirituale, e si dovrebbe mostrare riverenza quando si passa attraverso questo paesaggio sacro. Qui gli effetti karmici delle proprie azioni sono amplificati e i pensieri impuri sono meglio evitati.

 

Clima del Monte Everest

Nel 2008 è stata messa online una nuova stazione meteorologica a circa 8.000 m di altitudine. I primi dati della stazione nel maggio 2008 sono stati: temperatura dell’aria -17°C, umidità relativa 41,3%, pressione atmosferica 382,1 hPa (38,21 kPa), direzione del vento 262,8°, velocità del vento 12,8 m/s (28,6 mph, 46. 1 km/h), radiazione solare globale 711,9 watt/m2, radiazione solare UVA 30,4 W/m2. Il progetto è stato orchestrato da Stazioni ad Alta Quota per la Ricerca sull’Ambiente (SHARE), che hanno anche collocato la webcam sul Monte Everest nel 2011. La stazione meteorologica ad energia solare si trova sul Colle Sud.


Clima del Monte Everest
Clima del Monte Everest

Uno dei problemi che gli scalatori devono affrontare è la frequente presenza di venti ad alta velocità. Infatti la cima del Monte Everest si estende nella troposfera superiore e penetra nella stratosfera, che può esporla ai venti veloci e gelidi del jet stream. Nel febbraio 2004, una velocità del vento di 280 km/h è stata registrata in cima e i venti oltre i 160 km/h sono comuni. Questi venti possono soffiare via gli scalatori dall’Everest. Gli scalatori di solito mirano ad una finestra di 7-10 giorni in primavera e in autunno, quando la stagione dei monsoni asiatici inizia o finisce e i venti sono più leggeri. La pressione dell’aria in cima è circa un terzo di quella a livello del mare, e per il principio di Bernoulli, i venti possono abbassare ulteriormente la pressione, causando un ulteriore 14 per cento di riduzione dell’ossigeno agli scalatori. La riduzione della disponibilità di ossigeno deriva dalla riduzione della pressione complessiva, non da una riduzione del rapporto tra ossigeno e altri gas.
 

In estate, il monsone indiano porta aria calda e umida dall’Oceano Indiano al versante sud dell’Everest. Durante l’inverno, il flusso del getto che scorre da ovest-sud-ovest si sposta verso sud e soffia sulla vetta. Il clima sulla vetta dell’Everest può essere definito alpino estremo, con temperature medie di -36°C, che possono raggiungere picchi di -60°C a gennaio! Luglio è generalmente il mese più caldo, con una temperatura media di -19°C, mentre lo zero non viene mai raggiunto, e neppure superato.

 

Consigli di viaggio del Monte Everest 

Scalatore sul Monte Everest
Scalatore sul Monte Everest

Scalare l’Everest è molto pericoloso, solo chi è in grado di resistere alle intemperie e gli scalatori esperti dovrebbero avventurarsi sulle sue pendici. La zona è spesso affollata da tempeste improvvise, neve, vento e il tempo può cambiare rapidamente in un giorno. Solo i periodi tra l’inizio di marzo e la fine di maggio, insieme all’inizio di settembre e alla fine di ottobre sono adatti all’arrampicata, per cui meno di 20 giorni vanno bene. Quindi, se volete arrampicare, tenete d’occhio i cambiamenti del tempo in quel periodo. La montagna si trova nella linea di confine a circa 100 km a sud della Sino-Nepal Road; è possibile noleggiare un’auto da Lhasa o prendere alcuni veicoli specifici. Per la ristorazione e l’alloggio, si consiglia il monastero di Rongbuk.

 

Esempio di settimana intorno al Monte Everest

  • Palazzo Potala
    Palazzo Potala
    Primo giorno: partite dalla visita al Palazzo Potala, che, costruito nel VII secolo dal re tibetano Songtsen Gampo, è uno dei palazzi più famosi al mondo ed è stato la residenza invernale dei successivi Dalai Lama fin dal XV secolo. Dopo pranzo, visitate il Tempio di Jokhang, uno dei più sacri templi di pellegrinaggio del Tibet, con l’antica “via Barkhor”, il cuore di questo centro buddista. Potrete anche assistere al dibattito filosofico nel Monastero di Sera, il secondo più grande monastero di Lhasa.
     
  • Secondo giorno: sarete condotti a Shigatse, visitando il Monastero di Tashilhunpo, uno dei Sei Grandi Monasteri della Gelugpa (o Setta del Cappello Giallo) in Tibet. Conosciuto anche come il “mucchio della gloria”, il monastero si trova ai piedi del Monte Drolmari (la montagna di Tara), Shigatse. Fondato dal Primo Dailai Lama nel 1447, la struttura del monastero fu ampliata dal Quarto e dai successivi Panchen Lama. Da lì si prosegue con l’autista fino a Lhatse e Tingri.
     
  • Da lì si prosegue per il monastero di Rongbu, passando per Lhatse, Tingri. Il monastero di Rongbu si trova a circa 8 km dal monte Everest. Rongphu è il monastero più alto del Tibet ed è stato fondato nel 1902. Questa notte potrete campeggiare sotto una tenda. Vi suggeriamo di fare tutti i preparativi necessari prima del vostro arrivo, in quanto non avrete il lusso dei servizi alberghieri.
     
  • Trekking dal Monastero Rongbu per circa 8 km (2-3 ore) fino al campo base del Monte Everest per l’occasione di una visita turistica di una vita, poi di nuovo al monastero di Rongbu a piedi, al campeggio, per una seconda notte sotto le stelle.
     
  • Quinto giorno: sarete condotti dal monastero di Rongbu alla contea di Gyangtse. Poi farete il check-in in hotel.
     
  • Poi visitate il monastero di Palkhor, il cui nome cinese è Monastero di Baiju. Ha due caratteristiche: qui ci sono tre sette buddiste (Sakys, Gedang e Gelugpa), tutte presenti in modo armonioso all’interno di questo monastero, anche se queste tre sette avevano sperimentato una rivalità ostile per molti anni prima della loro illuminazione. Sia l’oblazione che lo stile architettonico del monastero abbracciano e adottano punti positivi da tutte le parti. Palkhor presenta anche il suo “Bodhi stupa”, o “Kumbum” in tibetano. Considerato il simbolo del monastero, lo spettacolare “stupa” è costituito da centinaia di cappelle a strati, che ospitano circa centomila immagini di varie icone. Queste icone includono Buddha, Bodhisattva, Vajra, Re del Dharma, Arhats, Discepoli, grandi adepti di diversi ordini della storia buddista tibetana e figure di spicco della storia locale come Songtsen Gampo e Trisong Detsen. In totale ci sono circa 3.000 statue, quindi la gente spesso la chiama “Miriade di Buddha Stupa”, ma questo non è il suo nome formale. Sulla strada secondaria per Lhasa, visitate il ghiacciaio di Karuola, che dista circa 71 chilometri dalla contea di Gyangtse. Si può anche vedere questo fantastico ghiacciaio dalla strada accanto ad esso. Il ghiacciaio del Karuola si trova a circa 5.600 metri a nord della cima principale del monte Karuola. A causa dell’inquinamento provocato dai veicoli a motore, l’intero ghiacciaio è ora stratificato in strati bianchi e neri, il che conferisce una bellezza distintiva, anche se inquietante, a questa meraviglia della natura. Il lago Yamdrok Yumtso è uno dei quattro laghi sacri del Tibet. Ci sono vasti stormi di uccelli come anatre selvatiche, oche, ecc. Copre un’area di circa 10 milioni di Mu ed è una delle famose praterie dell’altopiano tibetano.
     
  • Settimo giorno: la guida locale vi trasferirà all’aeroporto e il vostro memorabile tour volge al termine.

 

Come arrivare al Monte Everest

 In auto:

Si consiglia ai visitatori di noleggiare un’auto locale per visitare tutta la zona panoramica, che normalmente costa circa 6.000 RMB (750 euro) per quattro persone.
 

Buon viaggio!

Panorama del Monte Everest
Panorama del Monte Everest

Domande & Risposte
0 Domanda
Domanda vuota
Altre domande e risposte
Fai una domanda

Articoli con * sono obbligatori

Can’t find what you’re looking for?
Facebook
Twitter
Pinterest
Mail
Richiesta
Condividi
Viaggio in Cina, la migliore guida e consigli di un esperto di viaggi