Monastero di Sakya

 

Informazioni generali del Monastero di Sakya

Nome cinese: 萨迦寺, pronuncia cinese: Sàjiā Sì

Biglietto ingresso: 50 CNY

Orari: 9:00 - 18:00

Trasporto

prendere un autobus dal centro di Shigatse o noleggiare un'auto privata.

Tempo consigliato per visita: 2-3 ore

 

Introduzione del Monastero di Sakya

Il monastero di Sakya, nella regione autonoma del Tibet, è il principale monastero della scuola Sakyapa del buddismo tibetano e si trova nella contea di Sakya, nella prefettura di Shigatse, nel Tibet sud-occidentale. A circa 160 km a sud-ovest di Shigatse, il monastero si trova su una collina sulla strada per Tingri.

 

Storia del Monastero di Sakya

Monaci nel Monastero di Sakya
Monaci nel Monastero di Sakya

Si racconta che diversi decenni prima dalla costruzione del monastero di Sakya, un venerato insegnante indiano, Atisha, attraversò la regione e si fermò nel luogo dove ora si trova il monastero settentrionale. In quel sito ebbe una visione in cui vide che lì sarebbero nate grandi emanazioni di Avolokiteshvara, Mahakala, Manjushri e Vajrapani, che avrebbero compiuto grandi azioni per il bene del Dharma e di altri esseri. Dopo la visione ordinò ai suoi attendenti di costruire un piccolo santuario temporaneo e pregò facendo diverse offerte ai Grandi Maestri degli atti sacri che dovevano venire.
 

La parte settentrionale del monastero fu fondata come sede della scuola Sakya nel 1073 da Khon Khonchong Gyalpo, un monaco Nyingmapa della ricca e potente famiglia Tsang. Durante il viaggio attraverso la regione, si era imbattuto nel piccolo santuario e aveva chiesto il permesso agli abitanti locali di costruire un monastero sul sito del santuario. Situato sulla collina sul lato nord dello Zhongquriver, il monastero è stato creato con una scala immensa, con molti edifici diversi, statue sacre e scritture. Successivamente il monastero includeva anche uno stupa che conteneva le sacre reliquie di Khon Khonchong Gyalpo.
 

Il secondo sito del monastero era sul lato meridionale del fiume Zhongqu, e la costruzione iniziò nel 1268, guidata da Benqen Sagya Sangbo. La commissione per il monastero meridionale fu fatta dal quinto fondatore della scuola Sakya, Choygal Phakpa, che ordinò che le pareti fossero dipinte di rosso, bianco e grigio, in onore dei tre Tulka buddisti. Nel corso dei secoli, il monastero meridionale è cresciuto fino a comprendere molte centinaia di edifici, santuari, templi e residenze monastiche.
 

Il monastero contiene molti dipinti di Thangka, alcuni dei quali risalgono al 1270 d.C. circa. Il Thangka più storico è quello che raffigura l'incontro tra Phapka e il famoso imperatore mongolo, Kublai Khan, che aveva ascoltato gli insegnamenti della scuola Sakya. Invitò Phapka e Sakya Pandita, il quarto dei cinque fondatori, a insegnare la filosofia buddista nella sua corte, attraverso la quale iniziò il buddismo Vajrayana in Cina.

 

Libreria del Monastero di Sakya

Interno del Monastero di Sakya
Interno del Monastero di Sakya

Il monastero di Sakya è spesso conosciuto come il "secondo Dunhuang", per la sua vasta collezione di oltre 40000 libri. Il monastero di Sakya è la casa di migliaia di volumi di scritture sacre buddiste. Gli scaffali coprono entrambi i lati della sala, così come la parete di fondo, e si estendono dal pavimento al soffitto. Gli scaffali su ciascun lato sono lunghi 57 metri, alti 11 metri e profondi un metro. Le Scritture variano nel tipo, dai rotoli alle cartelle e persino ai libri rilegati con tavole. È anche la sede della più grande scrittura del mondo, l'unico Burde Gyaimalung. La Sacra Scrittura è un documento di religione, cultura, storia, filosofia, letteratura e agricoltura tibetana e pesa oltre 500 kg.
 

Il monastero è anche pieno di sacre Thangkas, che raffigurano scene della natura e della storia, così come le rappresentazioni classiche di Buddha e delle altre divinità. La collezione di Thangkas e mandala nel monastero non ha eguali in tutto il mondo.

 

Festival di danza Cham del Monastero di Sakya

Uno dei momenti salienti dell'anno a Sakya è il Festival di danza Cham, dove i lama sacri indossano maschere intricate e colorate ed eseguono una danza sacra. La danza del cham è una forma di meditazione e offerta agli dei. Accompagnati dalla musica degli strumenti tradizionali tibetani suonati dai monaci, i balli riguardano la compassione per gli altri esseri e portano merito a coloro che li vedono. La danza si tiene a gennaio ed è un evento importante nel calendario buddistia. Si svolge spesso per 2-3 giorni e include lo svolgimento di un grande Thangka fuori dalla.

 

Come arrivare al Monastero di Sakya

 In pullman:

Il monastero di Sakya (萨迦寺) può essere raggiunto da Shigatse, con un viaggio di 4-5 ore. Il modo più semplice per visitare il monastero è attraverso un tour organizzato, ma puoi anche prendere un autobus dal centro di Shigatse o noleggiare un'auto privata.

Panorama del Monastero di Sakya
Panorama del Monastero di Sakya

Domande & Risposte
1 Domanda
Chiesto da Auria italia | 11/29/2021 16:45 Risposta
Che significa Sakya? quali sono i buddisti che rappresentano il colore rosso, bianco e grigio?
Che significa Sakya? quali sono i buddisti che rappresentano il colore rosso, bianco e grigio?
0 Risposta
Altre domande e risposte
Fai una domanda

Articoli con * sono obbligatori

Can’t find what you’re looking for?
Facebook
Twitter
Pinterest
Mail
Richiesta
Condividi
Viaggio in Cina, la migliore guida e consigli di un esperto di viaggi