Le Rovine di Gaochang

 

Informazioni generali delle Rovine di Gaochang

Nome cinese: 高昌故城, pronuncia cinese:gāochāng gùchéng

Biglietto ingresso: CNY 70

Orari: Dal 21 aprile al 20 ottobre: 8:00 - 21:00 (alta stagione)

Dal 21 ottobre al 20 aprile: 10:00 - 18:30 (bassa stagione)

Trasporto: Noleggiare un’auto privata o prendere un autobus turistico fino a Shengjinkou (胜金口) o alla Municipalità di Sanbao (三堡乡) e proseguire fino al sito con mezzi privati.

Tempo consigliato per visita: 1-3 ore

 

Introduzione delle Rovine di Gaochang

Le rovine di Gaochang erano un tempo il sito di un'antica città in un’oasi costruita sul bordo settentrionale del deserto Taklamakan. Si trovano ai piedi delle Montagne fiammeggianti, a circa 46 chilometri a sud-est di Turpan. Queste rovine sono sopravvissute miracolosamente per oltre 2000 anni e nel 2014 sono state incorporate nel sito del Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO.
 

 Il sito

Le Rovine di Gaochang
Le Rovine di Gaochang

Le rovine sono una piazza irregolare, che copre un'area di circa 2,6 km2. Il layout è simile a quello della città di Chang'an nella dinastia Tang (618-907). La città è composta da tre sezioni: una città esterna, una città interna e la città-palazzo.
 

La città esterna con un perimetro di 5,4 chilometri è racchiusa da una cinta muraria di 12 metri di spessore e 11,5 metri di altezza, costruita con terra compressa. Nove porte cittadine si trovano nei quattro punti cardinali: tre a sud e due in ciascuna delle altre direzioni. Le porte ad ovest sono le meglio conservate. Nella parte sud-occidentale e sud-orientale della città esterna sorgono le rovine di due templi. Il tempio nell'angolo sud-occidentale è costituito da un cancello, un cortile, una sala, un deposito di sutra e le dimore dei monaci. Il tempio sud-orientale è costituito da una torre poligonale e una grotta di culto, dove splendidi affreschi sono rimasti ben conservati.
 

Un castello delle Rovine di Gaochang
Un castello delle Rovine di Gaochang

La città interna, situata proprio nel mezzo della città esterna, ha un perimetro di 3 chilometri. Le parti occidentali e meridionali delle mura della città sono ben conservate. Le parti orientali e meridionali furono gravemente danneggiate, solo con gli altopiani nord-orientali e le piattaforme sud-orientali sono ancora visibili. Ad oggi non è rimasta nessuna traccia delle porte della città interna.
 

La città-palazzo si trova nella parte nord della città interna, condividendo le sue mura con con la città interna e la città esterna. Si tratta di un rettangolo con un perimetro di 700 metri. All'interno della città, sono ancora visibili molti grandi resti di pietra angolare, con un'altezza media da 3,5 metri a 4 metri. Queste pietre angolari sono reliquie di un palazzo di 4 piani, chiamato “il palazzo del Khan”, il quale era la residenza imperiale.

 

La storia delle Rovine di Gaochang

Sala da predicazione delle Rovine di Gaochang
Sala da predicazione

La città fu costruita nel I secolo a.C. ed era governata dal regno di Cheshi, fino a quando non cedettero il controllo dell'area alla dinastia Han (206 a.C.- 220 d.C.) intorno al 50 a.C. Gaochang ha avuto un ruolo molto importante come uno dei principali centri del commercio e città oasi lungo la Via della Seta, rendendolo un bene prezioso per la corte Han. Divenne la capitale del regno di Gaochang (531-640) durante il VI secolo, ma tornò al controllo cinese nel 640, quando fu conquistata dall'imperatore Taizong della dinastia Tang (618-907), sotto cui rimase solo fino al 755.
 

Nel 803, il gruppo etnico uiguro prese il controllo della città e divenne parte del regno di Qocho (856-1335). Nel 1209 questo regno passò sotto la sovranità di Gengis Khan e alla fine divenne parte della dinastia Yuan (1271-1368), ma fu conquistato da un regno mongolo rivale noto come Chatagai Khanate dal 1275 al 1318. Quando alla fine la dinastia Yuan crollò, la rotta commerciale che attraversava Gaochang fu interrotta e scoppiò la guerra tra mongoli e uiguri. Questa guerra danneggiò notevolmente la città e questo, insieme all'interruzione del commercio, portò alla città ad essere gradualmente abbandonata.
 

Statua del monaco Xuanzang
Statua del monaco Xuanzang

Sebbene la città fosse stata lasciata in cattive condizioni, gran parte della distruzione avvenne molto tempo dopo che era stata abbandonata. Inizialmente i musulmani provenienti dalle aree periferiche distrussero molti degli affreschi buddisti all'interno della città che rappresentavano forme umane o animali, ritenendoli blasfemi. Quindi, per un periodo di tempo, gli agricoltori locali hanno raccolto la terra utilizzata per le mura e il suolo della città per produrre fertilizzante.
 

Oltre ad essere un centro cardine della Via della seta, la città di Gaochang era un tempo anche un importante sito religioso e, durante la dinastia Tang, divenne una delle principali città buddiste. Nel 630, mentre era in pellegrinaggio in India, il famoso monaco Xuanzang si fermò nella città per divulgare i sutra. Un tempo, la città ospitava numerosi monasteri, tra cui un collegio confuciano e una chiesa nestoriana, e oltre 3000 monaci costruirono una casa tra le sue mura. Oggi tutto ciò che rimane di questo illustre patrimonio sono le rovine di due grandi templi nella parte meridionale della città esterna.
 

Un tempio delle Rovine di Gaochang
Un tempio delle Rovine

Fu solo alla fine del XIX secolo che fu scoperto il valore archeologico della regione, e presto archeologi da tutto il mondo si affollarono nell'area per meravigliarsi delle rovine. Molte delle reliquie scavate a Gaochang sono ora sparse nei musei di Londra, Berlino, San Pietroburgo e altre città lontane, ma molte altre rimangono ancora all'interno delle mura fatiscenti della città.
 

Al suo apice, la città vantava una popolazione impressionante di circa 30.000 persone ed era senza dubbio una delle città più vivaci lungo la Via della Seta. Le sue colossali mura di terra un tempo torreggiavano a oltre 11 metri di altezza ed era divisa in tre parti: la città esterna, la città interna e la città del palazzo. La città interna è stata protetta da un muro interno secondario, che da allora è svanito, ma rimangono ancora grandi parti del muro esterno.

 

Come arrivare alle Rovine di Gaochang

Il sito delle rovine di Gaochang (高昌故城) si trova a circa 46 km da Turpan e non sono disponibili mezzi pubblici per raggiungerlo.
 

 In autobus o in auto privata

Per arrivare alle rovine è necessario noleggiare un’auto privata o prendere un autobus turistico fino a Shengjinkou (胜金口) o alla Municipalità di Sanbao (三堡乡) e proseguire fino al sito con mezzi privati.

Panorama delle Rovine di Gaochang
Panorama delle Rovine di Gaochang
Domande & Risposte
1 Domanda
Chiesto da Giuliana Italia | 10/18/2021 22:33 Risposta
Cosa è successo in questa città?
C'è qualcuno che vive in questo posto? Cosa è successo in questa città?
0 Risposta
Altre domande e risposte
Fai una domanda

Articoli con * sono obbligatori

Can’t find what you’re looking for?
Facebook
Twitter
Pinterest
Mail
Richiesta
Condividi
Viaggio in Cina, la migliore guida e consigli di un esperto di viaggi