Grotte dei Mille Buddha di Bezeklik

 

Informazioni generali delle Grotte dei Mille Buddha di Bezeklik

Grotte dei Mille Buddha di Bezeklik
Grotte dei Mille Buddha di Bezeklik

Nome cinese: 柏孜克里千佛洞, pronuncia cinese: bózīkèlǐ qiānfó dòng

Biglietto ingresso: CNY 20

Orari: 8:00 – 20:30

Trasporto: Prendere in taxi o noleggiare un’auto privata, il viaggio dura circa 1 ora, oppure prendere gli autobus.

Tempo consigliato per visita: 1-3 ore

 

Introduzione delle Grotte dei Mille Buddha di Bezeklik

Nascoste nelle profondità della valle del Mutou delle Montagne Fiammeggianti, le Grotte dei Mille Buddha di Bezeklik segnano l'inizio del buddismo in Cina. Sebbene abbiano subito gravi danni nel corso degli anni, il nome "Bezeklik", che in lingua uigura significa "un luogo con dipinti" o "un luogo splendidamente decorato", ci dà un'idea del loro antico splendore.
 

Le grotte delle Grotte dei Mille Buddha di Bezeklik
Le grotte

Le grotte si trovano a circa 45 chilometri a est di Turpan e circa 15 chilometri a nord dalle rovine di Gaochang. Poiché l'antica città di Gaochang era uno dei maggiori snodi commerciali lungo la via della seta, sarebbe stato anche uno dei primi luoghi in cui il buddismo arrivò in Cina e fu così testimone del primo sviluppo dell'arte rupestre buddista nel Paese.
 

In origine, l'intero complesso era costituito da 83 grotte, di cui solo 40 grotte quasi intatte di affeschi e dipinti sono sopravvissute. Molti di questi dipinti hanno più di 1300 anni. Furono creati nel giro di diversi secoli, fino al XIII secolo, quando l'Islam iniziò a soppiantare il Buddismo. Molti degli affreschi ben conservati hanno resistito alle ingiurie del tempo.
 

Nonostante l'intero complesso sia parzialmente distrutto, è ancora considerato uno dei luoghi più belli di Turpan. Molti luoghi conservano ancora le tracce dell'antica architettura del complesso. Tutte le grotte sono circondate da ampie terrazze. Saluta una magnifica vista delle Montagne Fiammeggianti e della valle di Mutou, annidata ai loro piedi.

 

La storia delle Grotte dei Mille Buddha di Bezeklik

Le grotte buddiste all'interno del complesso furono costruite dal periodo delle dinastie del nord e del sud (420-589) fino alla dinastia Yuan (1271-1368), il che significa che la portata degli stili artistici è incredibilmente varia. Sebbene sia essenzialmente un luogo religioso, molti dei dipinti raffigurano immagini di aristocratici che hanno fatto donazioni per sostenere lo sviluppo del sito.
 

L'arte all'interno delle Grotte dei Mille Buddha di Bezeklik
L'arte all'interno delle Grotte

Molte delle grotte all'interno delle Grotte di Bezeklik furono commissionate dai funzionari del Regno di Gaochang, che governava l'area durante il VI secolo, ma la stragrande maggioranza delle grotte sopravvissute risale al X e XIII secolo, quando l'area fu governata dagli uiguri. Pertanto, l'arte all'interno delle grotte non è solo un misto di stili, ma presenta anche persone di etnie diverse.
 

Quando l'Islam arrivò in Asia centrale durante il XV e il XVI secolo, gran parte della popolazione dello Xinjiang si convertì e le Grotte di Bezeklik furono completamente abbandonate. Durante i successivi scontri religiosi, molti degli affreschi all'interno delle grotte furono distrutte. Dato che secondo il credo islamico le immagini degli esseri divini sono blasfeme, molte figure nelle pitture rupestri sono state sfigurate nel tempo, molti personaggi hanno gli occhi graffiati o i loro volti oscurati.
 

Re Gaochang sull'affresco delle Grotte dei Mille Buddha di Bezeklik
Re Gaochang sull'affresco

Ulteriori danni furono causati dagli agricoltori locali quando cominciarono ad utilizzare parti delle pareti di terra e gli affreschi delle grotte come fertilizzante. Verso l'inizio del XX secolo, degli esploratori stranieri avevano riscoperto le grotte ma sfortunatamente hanno rubato molti degli affreschi e decorazioni e li hanno inviati nei loro Paesi d'origine. In particolare, alcuni degli affreschi più belli e meglio conservati furono rimossi con la forza dall'esploratore Albert von Le Coq e inviati in Germania, dove furono fissati permanentemente alle pareti del Museo etnologico di Berlino.
 

Ciò significava che, durante la Seconda guerra mondiale, non potevano essere rimossi e furono successivamente distrutti quando Berlino fu bombardata dagli Alleati. Sebbene questa perdita sia stata senza dubbio tragica, oggigiorno molti degli affreschi rimasti sono conservati in modo sicuro nei musei di tutto il mondo, tra cui il Museo statale Ermitage di San Pietroburgo, il Museo Nazionale di Tokyo in Giappone e il British Museum di Londra.

 

Il sito delle Grotte dei Mille Buddha di Bezeklik

Oggi il sito è diviso in 77 grotte numerate scavate nella roccia. La maggior parte ha spazi rettangolari con soffitti ad arco arrotondati, spesso divisi in quattro sezioni, ognuna con un murale di Buddha. L'effetto è di intere coperture del soffitto con centinaia di dipinti di Buddha. Alcuni soffitti delle grotte di Bezeklik sono dipinti con un grande Buddha circondato da altre figure, tra cui indiani, persiani ed europei. La qualità degli affreschi varia, alcuni sono artisticamente ingenui mentre altri sono capolavori di arte religiosa.
 

Affresco all'interno delle Grotte
Affresco all'interno delle Grotte

Di queste 77 solo 40 contengono ancora i loro murali originali, coprendo un’area totale di circa 1200 m2 di murali. Ciò che rende questi murali così unici è che presentano immagini di persone di diverse etnie che vivono, lavorano e socializzano insieme. Cinesi, indiani, turchi, mongoli, uiguri e persino europei abbelliscono le pareti di queste magnifiche grotte, dimostrando che Gaochang era una volta una delle prime città multietniche al mondo. Le iscrizioni che accompagnano i dipinti sono scritte non solo in cinese, ma anche nell'antica lingua uigura e in molte altre lingue, che ha dato agli storici una preziosa visione delle interazioni tra questi popoli.
 

Gli affreschi all'interno delle grotte numero 16 e 17 sono spesso considerati i più eccezionali. Nella grotta n. 16, c'è un dipinto di un musicista che suona uno strumento antico noto come xiao hulei. Questo strumento assomigliava molto a un liuto e proviene dalla provincia dello Yunnan nel sud della Cina, il che implica che la Cina settentrionale e meridionale ha avuto molti più contatti durante la dinastia Tang (618-907) di quanto si credesse in precedenza.
 

Paesaggio esterno delle Grotte
Paesaggio esterno delle Grotte

Il dipinto nella grotta n. 17 è ampiamente considerato come una rappresentazione della versione infernale del Manicheismo. Il manicheismo era un'importante religione antica che proveniva dall'Iran e un tempo era il principale rivale del cristianesimo. Sebbene la religione sia ormai estinta, le opere d'arte in questa grotta suggeriscono che un tempo era popolare nella regione di Turpan tra il IX e il XII secolo. A parte gli affreschi, un altro punto forte della zona è il suo paesaggio. Le enormi dune di sabbia, le montagne color ruggine e i canyon profondi danno un tocco innegabilmente esotico ai dintorni delle grotte.
 

Un’altra grotta molto interessante è la n. 33, dove si trova un murale rappresentante i discepoli buddisti che piangono in lutto assieme ad un Bhikku, un monaco buddista. Questo affresco è molto spesso elogiato per la sua vivida rappresentazione.
 

Oltre ai murali e alle iscrizioni, è interessante anche un pezzo di carta da imballaggio in foglia d'oro trovato sul sito. Un timbro su di esso rivelava l'indirizzo del negozio sul lato sud di Tiahelou Street, nella città di Hangzhou, nella regione dello Zhejiang della dinastia Song. Sul documento venva inoltre consigliato ai clienti di esaminare attentamente i loro prodotti prima dell'acquisto per evitare di essere imbrogliati. Come apparente pubblicità, questo foglio dimostra che la città Gaochang intratteneva stretti legami economici con la dinastia Song e che il commercio si estendeva fino al Mar Cinese Orientale.


 Alcuni consigli

1. Dato che le grotte si trovano sulla parete di un burrone, rimani nelle aree segnate;

2. Per proteggere gli affreschi dal deterioramento futuro, evita di toccare e danneggiare in alcun modo i murali e manufatti;

3. Ricorda che qui è severamente vietato fumare;

4. Dopo la visita alle grotte, potresti prendere in considerazione la possibilità di fermarti in alcune delle altre attrazioni vicine, tra cui:

  • Le antiche tombe di Astana a 12 km di distanza
  • Le montagne fiammeggianti, a 13 km di distanza
  • La città antica di Gaochang, a 15 km di distanza

 

Come raggiungere le Grotte dei Mille Buddha di Bezeklik

Le Grotte dei Mille Buddha di Bezeklik (柏孜克里千佛洞) si trovano a circa 45 chilometri a est di Turpan e circa 15 chilometri a nord dalla città antica di Gaochang.
 

 In autobus

Puoi prendere l'autobus dalla stazione degli autobus di Turpan a Shanshan e scendere alla fermata Shengjinkou (胜金口) e continuare il trasferimento utilizzando le motociclette locali o cambiando autobus fino alle grotte di Bezeklik.
 

 In taxi o in auto privata

Il mezzo più semplice per spostarsi in queste zone rimane sempre chiamare un taxi o noleggiare un’auto privata per poter arrivare più facilmente e velocemente al sito turistico; il viaggio dura circa 1 ora.

Panorama delle Grotte dei Mille Buddha di Bezeklik
Panorama delle Grotte dei Mille Buddha di Bezeklik
Domande & Risposte
0 Domanda
Domanda vuota
Altre domande e risposte
Fai una domanda

Articoli con * sono obbligatori

Can’t find what you’re looking for?
Facebook
Twitter
Pinterest
Mail
Richiesta
Condividi
Viaggio in Cina, la migliore guida e consigli di un esperto di viaggi