Festa dei Fantasmi Affamati

 

Introduzione della Festa dei Fantasmi Affamati

La Festa dei fantasmi affamati
La Festa dei Fantasmi Affamati

La Festa dei Fantasmi Affamati (中元节zhōng yuán jié), meglio conosciuta anche come Hungry Ghost Festival, è una festa tradizionale cinese celebrata il quindicesimo giorno del settimo mese lunare. Una festa solenne, la Festa dei Fantasmi rappresenta le connessioni tra i vivi e i morti, tra terra e cielo, e tra corpo e anima.

L'intero settimo mese del calendario cinese viene chiamato il Mese dei fantasmi, un mese in cui si ritiene che fantasmi e spiriti emergano dal mondo sotterraneo per visitare la terra. La Festa dei fantasmi è l'apice di una serie di celebrazioni del Mese dei fantasmi.


Durante il Mese dei fantasmi, si ritiene che le anime dei morti ritornino dall'aldilà e che vaghino per la terra per visitare i loro familiari e discendenti. I fantasmi sono tutti alla ricerca di cibo e divertimento, ed è proprio da qui che deriva il nome della festività. Se questi fantasmi vengono ignorati o non soddisfatti, diventavano cattivi, quindi le persone lasciano offerte per i loro cari defunti per renderli felici, sazi e tenersi lontano dai guai.


Numerose altre feste cinesi celebrano l'onore dei morti, ma la Festa dei fantasmi è diversa in quanto i sacrifici sono offerti non solo agli antenati e ai parenti ma a tutti i fantasmi. Questa festa funge anche da importante strumento educativo, insegnando ai bambini l'importanza di prendersi cura dei propri familiari e di coloro che sono meno fortunati.

 

Origini della Festa dei Fantasmi Affamati

Gli dei di Taoismo
Gli dei di Taoismo

L’origine e il significato della Festa dei Fantasmi Affamati differiscono tra taoisti e buddisti. I taoisti si concentrano sul placare le anime erranti liberate dal mondo inferiore, mentre l'enfasi dei buddisti è la pietà filiale.

Secondo le credenze taoiste tradizionali, il destino dell'umanità è controllato da tre divinità: l’imperatore del cielo (Tian Guan Da Di), sovrano del cielo, che garantisce la felicità; l’imperatore della terra (Di Guan Da Di), sovrano della terra, che perdona i peccati; e l’imperatore dell’acqua (Shui Guan Da Di), sovrano dell'acqua, che allevia i pericoli.

La Festa delle lanterne, che cade il quindicesimo giorno del primo mese lunare, e la Festa Xiayuan che cade il quindicesimo giorno del decimo mese lunare, sono rispettivamente i compleanni dei sovrani del cielo e dell'acqua. La festa dei fantasmi, invece, cade il quindicesimo giorno del settimo mese lunare, è il compleanno dell’imperatore della terra, che in questo giorno scende sulla Terra per registrare le buone e le cattive azioni di ogni essere umano. 


Durante il settimo mese lunare, le porte dell'inferno sono aperte e i fantasmi affamati vengono liberati dal mondo inferiore per vagare sulla terra tra gli umani a cercare cibo. Tradizionalmente durante questo mese, i sacerdoti taoisti eseguivano riti e facevano offerte di cibo, mentre i devoti visitavano i templi per pentirsi dei loro peccati, pregare per la felicità ed evitare disastri.


Per i buddisti, d'altra parte, la Festa dei Fantasmi Affamati prende le sue radici nel festival buddista di Ullambana. È una delle festività buddiste più popolari. In questo giorno, si ritiene che le "Porte dell'Inferno" siano aperte e che le anime morte visitino i loro cari. L’Ullambana è un festival di liberazione, che sostiene e rafforza il concetto di pietà filiale. La parola "Ullambana" è una traslitterazione della parola sanscrita che significa "liberazione dalla sofferenza" e si riferisce specificamente alla salvezza che viene concessa alle anime tormentate all'inferno.

In questo giorno, i buddisti offrono preghiere sia ai loro antenati defunti che ai loro genitori e anziani viventi. Le origini buddiste del festival possono essere ricondotte a una leggenda che originariamente proveniva dall'India, ma in seguito ha assunto connotazioni culturalmente cinesi, la storia di Mu lian che salva la madre dall’inferno. 

 

Leggenda della Festa dei Fantasmi Affamati

Mulian salva la madre
Mulian salva la madre

Secondo una delle versioni della leggenda, la Festa dei Fantasmi Affamati è nata dal tentativo di Mu Lian, un discepolo di Buddha, di salvare sua madre dalle torture dell'inferno. Sua madre, che era vegetariana, in vita aveva consumato inconsapevolmente una zuppa di carne ed era stata condannata all’inferno per averlo negato. Dopo la sua morte, Mu Lian cercò di localizzare la madre defunta nel mondo inferiore e la trovò tra i fantasmi affamati. 

Mu Lian cercò di mandare del cibo alla madre affamata, attraverso diverse offerte ma il cibo non le era mai arrivato. Il cibo offerto dal devoto figlio, ogni volta si trasformava in carboni ardenti prima che potesse entrare nella sua bocca. Mu Lian non si arrese e chiese aiuto a Buddha, che gli rispose e insegnò a Mu Lian delle offerte di preghiere e cibo speciali che avrebbero potuto alleviare le pene della madre. Solo allora la madre di Mu Lian fu sollevata dalle sue sofferenze da fantasma affamato. 


Con le offerte delle Festa dei fantasmi, gli antenati defunti sono pacificati e i fantasmi affamati possono mangiare i cibi sacrificali offerti a loro. Il giorno in cui si celebra questa festa è proprio il giorno in cui Mu Lian salvò la madre dalle pene dell’inferno. 


Re drago dei mari orientali
Re drago dei mari orientali

Una leggenda meno conosciuta sull'origine della Festa dei Fantasmi Affamati nacque durante la dinastia Tang. La leggenda racconta la storia del re drago dei mari orientali che era geloso del famoso indovino Li Liang Feng. Un giorno l’indovino affermò con orgoglio che tutte le sue previsioni erano sempre corrette, ma il Re Drago, geloso, era furioso. Per screditare Li Liang Feng, il Re drago disobbedì ad un ordine dell’imperatore dei cieli, che aveva previsto l’indovino. Sfortunatamente, il suo stratagemma fu esposto e il Re Drago fu condannato a morte.

Il Re Drago decise quindi di incontrare l'imperatore Tang Taizong per chiedere aiuto. Sentendosi dispiaciuto per lui, l'imperatore promise di fare ciò che poteva e escogitò un piano per aiutare a salvare la vita del Re Drago. Purtroppo, il piano fallì e il drago venne ucciso. Poco dopo la sua morte, il Re Drago andò di nuovo in cerca dell'imperatore Tang in sogno. Rimproverò l'imperatore di non aver mantenuto la sua promessa e di averlo reso uno spirito errante. Il giorno successivo, che era il quindicesimo giorno del settimo mese lunare, l'imperatore Tang ordinò a tutti i sacerdoti buddisti e taoisti nella capitale di offrire preghiere, nonché cibo e bevande in onore del Re Drago per placare la sua rabbia. Questo segnò l'inizio della Festa dei Fantasmi Affamati. 

 

Usanze della tradizione della Festa dei Fantasmi Affamati

 Il culto degli antenati
Il culto degli antenati

Durante la Festa dei Fantasmi Affamati, è usanza fare offerte con vino, carne, torte di zucchero, frutta e altri sacrifici dal primo giorno del mese dei fantasmi fino al trentesimo giorno del calendario lunisolare per confortare i fantasmi del mondo. Durante questo periodo si prega per la sicurezza di tutto l'anno. A volte, i più spirituali o religiosi, invitato persino monaci a casa a recitare i sutra della morte.

Altri invece, spostano le statue dei Buddha, come per esempio quelle del Bodhisattva Dizang e del Venerabile Merian, collocandoli su un'alta piattaforma durante tutta la durata della festività, o chiedono a degli artisti di interpretare Zhong Kui, il dio esorcista per allontanare gli spiriti delle anime morte. 


Molto spesso le comunità organizzano spettacoli o esibizioni in onore degli antenati e dei fantasmi affamati. Di solito la prima fila rimane sempre vuota, come posti d’onore per i fantasmi. 

 

 Fare sacrifici agli antenati

Le carte degli antenati
Le carte degli antenati

Le persone credono che, in questo periodo, gli antenati morti tornano a casa per far visita ai loro figli e nipoti, quindi i vivi devono fare dei sacrifici ai loro antenati. Il culto degli antenati è un’usanza tradizionale che si tiene di solito la sera della festa. Nel culto degli antenati nei giorni normali, generalmente, non viene spostata la carta dell'antenato. Durante la festa dei fantasmi, invece, le carte degli antenati vengono posizionati rispettosamente sul tavolo dedicato al culto, e quindi di fronte alla carta di ogni antenato viene messo dell’incenso, che verrà bruciato ogni mattina, pomeriggio e sera. Vengono effettuate tre cerimonie del tè. A causa delle diverse abitudini locali il culto viene eseguito in modo diverso da regione a regione. 
 

 Bruciare la carta moneta

Persone che bruciano la carta moneta
Persone che bruciano la carta moneta

Un’altra usanza molto importante è bruciare la carta moneta.  Le persone bruciano carta moneta per mandare soldi ai loro parenti defunti. Di solito, quando si brucia la carta sulla tomba le persone lasciano alcuni fogli ancora intatti che verranno poi bruciati ad un incrocio. Lo scopo di ciò è di dare un po' di soldi anche ai fantasmi dei senza tetto, in modo che non vadano a rubare i soldi dati ai loro antenati. 
 

 Fare cerimonie di sacrificio nei riguardi dei terreni e delle colture

È tradizione fare cerimonie di sacrificio anche nei riguardi dei terreni e delle colture, solitamente cospargendo le offerte sul campo. Oltre a bruciare la carta moneta, della carta colorata viene tagliata a brandelli e avvolta intorno ai rami delle colture. Secondo la leggenda questa cerimonia allontana le grandinate e permette di avere un buon raccolto in autunno.
 

Fare le preghiere per il raccolto 

I sacrifici della Festa dei fantasmi sono spesso legati alle preghiere per un buon raccolto. Nella notte della festa, ogni famiglia brucia incensi alla loro porta e prega per un buon raccolto, poi i bastoncini di incenso cengono inseriti nel terreno. Più bastoncini di incenso venivano inseriti, più fortuna avrebbe portato.
 

 Volare lanterne nel cielo

Lanterne nel cielo
Lanterne nel cielo

Nel Guangxi hanno l’usanza di far volare lanterne nel cielo durante la Festa dei fantasmi. Nei tempi antichi, l’attività di far volare lanterne nel cielo era per lo più un’attività di superstizione come l'accoglienza degli dei e l'espulsione di fantasmi. Col passare tempo, questa usanza si è gradualmente sviluppata in una sorta di sport popolare. Le lanterne vengono generalmente fatte volare da un terreno pianeggiante nella testa del villaggio. 72 ciotole vengono riempite con olio di soia e disposte in 9 file. Una volta accese, a suon di tamburi, le lanterne vengono fatte volare in alto nel cielo della notte.
 

 Posizionare le lanterne nel fiume

Lanterne nel fiume
Lanterne nel fiume

Le lanterne fluviali sono anche chiamate "lanterne di loto" per la loro forma simile a quella del fiore di loto. Le lanterne fluviali sono di solito realizzate con lampade o candele poggiate all’interno di una piccola imbarcazione di carta e la notte della festa dei fantasmi, vengono posizionate nei fiumi, nei laghi e nei mari, facendole galleggiare. 

Lo scopo delle luci nel fiume è di purificazione e preghiera. Si dice che la strada agli inferi sia molto buia e che la strada non possa essere vista senza luci. Quindi è un buon gesto per i fantasmi accendere delle luci per fargli vedere la strada. Con questa usanza i vivi voglio comunicare agli antenati che non hanno dimenticato i morti.

 

 Usare i chicchi di riso e acqua pulita per cospargere gli animali

Falo
Falo

C’è un'altra attività molto importante della Festa dei fantasmi, chiamata "Bocca di fiamme". Seconda la tradizione buddista, Bocca di fiamme era il nome dei fantasmi affamati nell'inferno. Si tratta, in realtà, di un falò che si svolge al crepuscolo o di notte e l'intera attività dura a lungo, anche fino alla mattina successiva. I monaci cantavano e praticavano prima le Scritture, e infine venivano usati dei chicchi di riso e acqua pulita per cospargere gli animali. Lo scopo di questa attività è di superare i non morti e nutrire i fantasmi solitari.

 

Tabù della Festa dei Fantasmi Affamati

 Uscire dopo il tramonto

È usanza non uscire fuori di casa a tarda notte perché gli spiriti travagliati sono ovunque in questo periodo dell'anno e gli spiriti potrebbero seguirti.
 

 Inserire in verticale le bacchette

Inserire in verticale le bacchette è un tabù
Inserire in verticale le bacchette è tabù

Secondo la cultura asiatica inserire le bacchette in verticale nella ciotola di riso è segno di scortesia e maleducazione, nonché di cattivo auspicio. Le bacchette in verticale ricordano i bastoncini d’incenso che vengono offerti ai morti. Maledice indirettamente la tua stessa morte e dice anche agli spiriti che quella ciotola di riso è per loro.
 

 Coprire la fronte 

Si dice che nella fronte ci sia la luce della giustizia, per cui la fronte deve rimanere esposta. Specialmente in questa festa è consigliato non coprire la fronte con i capelli o altro, o potrebbe influire sulla propria fortuna. Accarezzare le spalle altrui.

Le persone in Asia credono che nel corpo ci siano tre fuochi o centri di energia, che si trovano tra la testa e le spalle. È tabù durante la festività coprire i fuochi e indebolire le difese di qualcuno.

 

 Nuotare

Durante la Festa dei Fantasmi Affamati è vietato fare il bagno in fiumi, laghi e in mare. Si dice che le anime malvagie che erano affogate precedentemente potrebbero cercare di tirarti giù nell’acqua e affogarti per provare a rinascere.

 

Domande & Risposte
0 Domanda
Domanda vuota
Altre domande e risposte
Fai una domanda

Articoli con * sono obbligatori

Can’t find what you’re looking for?
Twitter
Facebook
Pinterest
Mail
Richiesta
Condividi
Viaggio in Cina, la migliore guida e consigli di un esperto di viaggi