Festa del Doppio Nove

 

Introduzione della Festa del Doppio Nove

Cartellone della festa del doppio nove
Cartellone della Festa del Doppio Nove

Il nono giorno del nono mese lunare cade la tradizionale Festa di Chongyang (重阳节 chōng yáng jié), o più comunemente noto come Festa del Doppio Nove. Il significato dei due nomi è lo stesso, secondo il Libro dei mutamenti, il numero sei era di carattere “yin”, che significa femminile o negativo, mentre il numero nove è di carattere “yang” che significa maschile o positivo. La parola “chong”, invece, significa doppio in cinese. Inoltre, poiché la parola doppio nove (九九 jiǔ jiǔ) era pronunciato come la parola per indicare per sempre (久久 jiǔ jiǔ) gli antichi cinesi lo consideravano un giorno di buon auspicio che simboleggia la longevità. 

L'usanza di salire sulle alture per evitare le epidemie è stata tramandata da molto tempo fa. Pertanto, la Festa del Doppio Nove viene anche chiamata Festa della salita cresente (Height Ascending Festival). Le persone di solito si arrampicavano su montagne o torri.  Le antiche figure letterarie hanno lasciato molte poesie che descrivono questa attività. Ancora oggi, le persone sciamano verso montagne famose o poco conosciute in questo giorno, dove possono godere delle miriadi di crisantemi in fiore.


Oggi, alla Festa del Doppio Nove è stato dato un nuovo significato. Nel 1989, il governo cinese ha stabilito che il giorno della Festa del Doppio Nove sarebbe diventato ufficialmente la Festa degli Anziani. Un giorno per mostrare rispetto per gli anziani, richiedendo che le persone rispettino, si prendano cura, amino e aiutino gli anziani. Durante la festa vengono organizzate attività, tra cui uscite autunnali, visite guidate ed escursioni, per anziani e pensionati in modo che possano godere della natura.

 

Origini della Festa del Doppio Nove

La celebrazione nell'antichità
La celebrazione nell'antichità 

La festa ha una storia di oltre 2000 anni. La prima Festa di Chongyang è stata celebrata durante il periodo degli Stati combattenti, ma fu celebrato solo nel palazzo imperiale. Dalla dinastia Han, iniziò ad essere popolare tra la gente comune. Il nome di Festa di Chongyang apparve per la prima volta nei Periodi dei Tre Regni. Durante la dinastia Jin, cominciarono a formarsi le usanze più caratteristiche di oggi, di godere della fioritura dei crisantemi e di bere vini di crisantemi durante la giornata. È diventata ufficialmente una festività solo alla dinastia Tang, da allora tutte le persone trascorrono la festività con varie attività. Nelle dinastie Ming e Qing, le persone nel palazzo imperiale mangiavano torte di fiori per festeggiare. Si dice che, un anno, anche l'imperatore stesso scalò la montagna. Nel 1989, il governo cinese ha fissato la giornata come la Giornata degli anziani.

 

Leggenda della Festa del Doppio Nove

La leggenda narra che, durante la dinastia Han orientale, nel fiume Ruhe ci fosse un mostro che portava malattie alle persone. Ovunque andasse, le persone morivano per la malattia che portava. La gente di allora era devastata da questo mostro.

Mostro che porta la malattia alle persone
Mostro che porta la malattia alle persone

Questa malattia causò la morte dei genitori di un giovane uomo, di nome Huan Jing. Per questa malattia per poco non perse la vita anche lui. Dopo essersi ripreso, decise di trovare un modo per uccidere questo mostro, quindi salutò la sua amata moglie e i suoi compaesani e partì per imparare la magia. Visitò molti luoghi e maestri e alla fine gli fu raccontato che su un'antica collina a est, si trovava un immortale taoista con dei poteri soprannaturali. Incurante dei pericoli e delle difficoltà, Huan Jing intraprese questo lungo viaggio e, guidato dalla sacra gru, raggiunse la collina. Alla fine, riuscì a trovare il taoista immortale.

Toccato dal suo spirito spericolato, l'immortale lo prese come discepolo, gli insegnò l'arte del gioco della spada e gli diede una spada per esorcizzare i diavoli. Huan Jing praticò l'arte del gioco della spada con tutto il cuore, fino a quando non ne raggiunse la perfetta padronanza.


Un giorno l'immortale chiese a Huan Jing di andare da lui e gli disse: "Domani è il nono giorno del nono mese lunare. Il mostro tornerà a fare del male alla gente. Hai già imparato l'arte del gioco della spada. Ora è il momento per te per salvare la gente dalle devastazioni del mostro". L'immortale diede a Huan una borsa di foglie di zhuyu e una bottiglia di vino di crisantemo, lo illuminò sulle vie dell'esorcismo e gli disse di farsi guidare dalla sacra gru fino a casa.


Huan Jing ripartì e arrivò nella sua città natale. La mattina del nono giorno del nono mese lunare, convocò tutti gli abitanti del villaggio su una collina vicina e diede a ciascuno di loro una foglia di zhuyu e una tazza di vino di crisantemo, come gli aveva detto l'immortale. A mezzogiorno, con forti ruggiti, il mostro si alzò dal fiume Ruhe, ma si fermò improvvisamente ai piedi della collina quando sentì l'odore delle foglie di zhuyu e del vino di crisantemi. La sua faccia impallidì mentre Huan Jing scendeva dalla collina con la sua spada. Dopo una lunga lotta, alla fine Huang Jing riuscì a pugnalare e a uccidere il mostro. 


Da allora, ogni anno, il nono giorno del nono mese lunare, le persone si arrampicavano su un luogo elevato con yuzhu e vino di crisantemi per allontanare i mostri e gli spiriti maligni.

 

Le usanze della tradizione

 Le escursioni in montagna 

Persone che fanno escursioni nella natura nella giornata della festa del doppio nove
Persone che fanno escursioni nella natura

Il nono mese lunare, con cielo sereno autunnale e aria tonificante, è un buon momento per fare escursioni nella natura. Dalle alture si potrà godere di un cielo blu con nuvole pallide e montagne verde scuro. Sia nell’antichità che oggi, in questa giornata di festa i cinesi affollano i sentieri di montagna per ammirare il panorama e rimmergersi nella natura.

Durante la dinastia Han occidentale era usanza salire sulle alture nella periferia di Chang'an (l'allora capitale nazionale e l'attuale Xi'an). Nel periodo dei Tre Regni e della Dinastia Jin dalle alture si ammiravano le campagne autunnali. Le persone a Chang'an amavano fare escursioni in un percorso che comprendevano la vista della piscina di Qu'jiang, il tempio di Ci'en e la pagoda dell'oca selvatica. Gli imperatori della dinastia Ming salivano sulla collina di Wanshou a Pechino per celebrare la Festa del Doppio Nove, mentre gli imperatori della dinastia Qing festeggiavano sulle colline artificiali nel giardino imperiale di Pechino.


Durante la Festa del Doppio Nove, è ancora oggi tradizione fare escursioni in montagna o su alture. Di solito le famiglie cinesi assieme ai familiari più anziani, in questa giornata, si arrampicano sulle montagne per apprezzare i fiori di crisantemo, bere vino di crisantemi e mangiare la torta del doppio nove. Questa attività è molto apprezzata dalle persone, soprattutto dagli anziani, in quanto significa anche "arrampicarsi per una vita longeva”.

 

 Fare offerte agli antenati

Fare compagnia agli anziani è un tema della festa del doppio nove
Compagnia è un tema della festa

Secondo la dicotomia yin - yang che costituisce la base della visione del mondo cinese, lo yin rappresenta gli elementi dell'oscurità e lo yang rappresenta la vita e la luminosità. Il nono mese, con il numero nove considerato come yang, annuncia anche l'avvicinarsi dell'inverno. È un momento in cui i vivi hanno bisogno di vestiti caldi, i discendenti cinesi hanno esteso questo momento per rendere la festività un’occasione per fornire abiti invernali anche ai loro antenati. La Festa del Doppio Nove quindi, divenne anche un'occasione per visitare le tombe dei familiari morti. I vestiti fatti di carta venivano quindi bruciati come offerte.
 

 Gli incontri di famiglia 

La Festa del doppio nove è anche un momento per riunioni di famiglia. È un'occasione per ricordare i propri antenati, i sacrifici che hanno fatto e le difficoltà che hanno attraversato. Spesso vengono organizzate gite in famiglia durante le quali le persone cercano di rinnovare il loro apprezzamento verso la natura e di riaffermare il loro amore e preoccupazione per i familiari e gli amici più vicini.
 

 Godersi i crisantemi 

Crisantemi
Crisantemi

Il crisantemo è un fiore nato in Cina. I primi riferimenti documentati di questa pianta risalgono al V secolo a.C. Il fiore fu introdotto come fiore imperiale in Giappone durante la dinastia Tang. Quindi fu introdotto in Gran Bretagna nel XII secolo, nel continente europeo nel XVII secolo e negli Stati Uniti nel XIX secolo. Sebbene la sua fioritura duri a lungo, questa pianta perenne di solito inizia a fiorire nel nono mese lunare, conferendo un sapore festoso al giorno del doppio nove. Ecco perché questo mese è anche indicato come "il mese del crisantemo".

I cinesi amano godersi il crisantemo nel giorno del doppio nove da molto tempo. I fiori di crisantemo nel nono mese lunare vengono anche soprannominati "fiori della longevità". L'usanza di indossare il crisantemo è apparsa nella dinastia Tang ed è rimasta molto popolare anche dei periodi successivi. Gli ingressi di alcune taverne della dinastia Song erano decorati con i fiori durante questo giorno, nella speranza di incitare il desiderio di vino di crisantemi nei clienti. 
Ad un certo punto, la gente a Pechino ha iniziato ad attaccare i crisantemi su porte e finestre per "sbarazzarsi della sfortuna e attirare la buona sorte", come alternativa dell'usanza di indossare il crisantemo sulla testa.

 

 Indossare ramoscelli di corniolo

Ramoscelli di corniolo
Ramoscelli di corniolo

Il corniolo è una specie di rampicante sempreverde, una pianta dal profumo intenso il cui frutto è commestibile e il brodo e le foglie sono utilizzate nella medicina tradizionale cinese. Il corniolo è utilizzato per allontanare gli insetti, liberarsi dell'umidità, aiutare la digestione e curare il “calore interno”. 

L'usanza di indossare rametti di corniolo era già molto popolare nella dinastia Tang. Gli antichi credevano che piantare rametti di corniolo alla Festa del Doppio Nove potesse prevenire malattie ed evitare disastri. Indossavano anche i rametti di corniolo sulle braccia o sulla testa o inseriti dentro a delle bustine. La maggior parte delle persone che seguono l'usanza sono donne e bambini, in alcune regioni anche gli uomini le indossano. Durante la dinastia Song, le persone si scambiavano rametti di corniolo o crisantemi decorati con nastrini di seta colorata e le indossavano.

 

 Mangiare la torta Chongyang

Torta della festa del doppio nove
Torta della festa del Doppio Nove

Mangiare la torta Chongyang o torta del doppio nove è un'altra tradizione di questa festività.

La torta del doppio nove è anche conosciuta come "torta di crisantemi" o "torta di fiori" e risale alla dinastia Zhou. Si dice che la torta fosse stata originariamente preparata dopo i raccolti autunnali per gli agricoltori, per avere un assaggio di ciò che era in stagione, e divenne gradualmente la torta tipica della festività del doppio nove.


La torta era solitamente composta da farina di riso glutinoso, farina di miglio o farina di fagioli. Durante la dinastia Tang, sulla sua superficie era di solito inserito un piccolo stendardo di carta multicolore che portava al centro il carattere cinese 令 líng, che significa ordine. La torta del doppio nove della dinastia Song era di solito preparata con grande cura pochi giorni prima della festività, la sua superficie decorata con castagne cinesi, semi di ginkgo, semi di pinoli e semi di melograno. Durante la dinastia Ming, le famiglie imperiali iniziarono abitualmente a mangiare la torta il primo giorno del nono mese lunare per celebrare la festa.

 

Viino di crisantemi
Viino di crisantemi

La gente comune di solito si rincontrava con le loro figlie sposate per mangiare la torta insieme, che era grande come una bacinella ed era coperta da due o tre strati di giuggiole. La torta della dinastia Qing, invece, era fatta come una pagoda a 9 piani, sormontata da due pecorelle fatte di pasta. La torta era chiamata Chong Yang Gao in cinese, dove “chong” significa doppio, “yang” indica sia la parola nove che pecora. La parola “gao” (糕 gāo), invece, significa torta ma condivide la pronuncia con anche la parola cinese per alto (高gāo). Si mangiava la torta del doppio nove, infatti, anche come desiderio di ottenere una posizione più alta nella vita.

Oggi si possono trovare diverse tipologie di torta di Chongyang da regione a regione. La più tradizionale e classica variante è la torta di riso con nove strati, con cinque strati di pasta di riso e quattro strati di ripieno, che variavano dalla pasta di giuggiole, pasta di fagioli dolci, cinque cereali, a tutti i tipi di frutta secca. 

 

 Bere il vino di crisantemi

Il vino di fiori di crisantemo è una bevanda unica della Festa del Doppio Nove. Alcuni sostengono che nei tempi antichi la gente raccoglieva fiori e foglie di crisantemo freschi il nono giorno del nono mese lunare e produceva una miscela di fiori, foglie e cereali, che non poteva essere bevuto fino allo stesso giorno del prossimo anno. Si dice che il vino abbia effetti salutari sulla nitidezza della vista, l'alleviamento del mal di testa e dei problemi di stomaco, contribuendo così alla longevità. Si dice che coloro che bevono il vino al crisantemo sono liberi dal male e hanno un fisico forte contro il freddo.

 

Domande & Risposte
0 Domanda
Domanda vuota
Altre domande e risposte
Fai una domanda

Articoli con * sono obbligatori

Can’t find what you’re looking for?
Twitter
Facebook
Pinterest
Mail
Richiesta
Condividi
Viaggio in Cina, la migliore guida e consigli di un esperto di viaggi